money-3090724_1920-300×225

Conto deposito o Pac? Ecco qual è il salvadanaio più redditizio

Semplicità e flessibilità. Ecco le due parole chiave che accomunano i metodi di investimento attraverso l’utilizzo di Conti Deposito o di Piani di accumulo del capitale (Pac). Negli ultimi anni queste due opzioni sono diventate sempre più popolari e richieste dai risparmiatori italiani. Nonostante siano le forme di investimento scelte dalla maggior parte degli investitori, le differenze tra questi due veicoli finanziari sono notevoli, e non sempre chiare a chi investe o a chi si avvicina al mondo del risparmio con investimenti in soluzioni finanziarie.

Anche in questo caso, prima di scegliere dove investire, se in un conto deposito o in un Pac, la regola fondamentale rimane, innanzitutto, capire che tipo di investitore siamo e quali sono gli obiettivi finanziari che vogliamo ottenere. Una volta chiariti questi prerequisiti chiave, siamo pronti per analizzare similarità e differenze tra questi due metodi di investimento.

Tra le varie possibilità di investimento, iniziamo con il dire che se lo scopo è quello di accantonare dei risparmi, cercando anche di sfruttare una certa remunerazione, allora i conti deposito e i piani di accumulo sono sicuramente le forme più adatte per noi risparmiatori.

Quali sono allora le caratteristiche dei conti deposito e dei Pac ?

Partiamo con i conti deposito. I conti deposito sono generalmente strumenti adatti agli investitori con un basso profilo di rischio. Queste soluzioni finanziarie non sono altro che dei semplici conti correnti remunerati che garantiscono un rendimento fisso. Esistono due tipologie di conti deposito: vincolati e non vincolati. La prima tipologia (conti deposito vincolati) richiede il blocco temporaneo delle somme depositate per un lasso di tempo (dai 3 ai 60 mesi) all’interno del quale non possono essere prelevate dal titolare, a meno che si voglia incorrere in una penale di recessione anticipata del contratto.

Generalmente, i conti deposito vincolati vengono scelti da coloro che dispongono di somme di denaro di cui non si ha momentaneamente bisogno e che, se vincolati, possono assicurare un rendimento molto superiore rispetto ai conti deposito non vincolati o liberi. Ovviamente i rendimenti tendono a salire più sale il vincolo.

Le due tipologie di conti hanno degli scopi differenti in quanto, con i conti deposito non vincolati si ha una bassa remunerazione, ma consentono di accantonare somme non programmate, senza alcun obbligo, e senza costi di gestione, mentre con i conti deposito vincolati si hanno remunerazioni più consistenti per risparmi già accantonati, ma senza la possibilità di fare delle aggiunte mentre è attivo il vincolo.

I conti deposito, a prescindere dalla sceltra tra liberi e vincolati, si rivolgono specialmente agli investitori che hanno un orizzonte temporale breve, o a chiunque non voglia impegnare i propri risparmi in forme di investimento di tipo gestito.

Per quanto riguarda i piani di accumulo del capitale, il discorso cambia. In questo caso, il fattore più importante è il tempo. I piani di accumulo, a differenza dei conti deposito, non garantiscono una remunerazione fissa, ma se ben gestiti possono offrire dei rendimenti di sicuro interesse, fino a poter creare delle piccole rendite. L’obiettivo è infatti proprio quello di creare un capitale con dei versamenti programmati, generalmente di importo fisso rivalutati annualmente per restare al passo con l’inflazione (in base all’indice Istat).

Il Piano di accumulo è una soluzione di investimento basata su versamenti periodici che permette di mitigare le oscillazioni di mercato. Incrementando l’investimento di base regolarmente, si ottiene la crescita del proprio risparmio nel tempo, avvicinandosi più velocemente ai propri obiettivi finanziari. Questo prodotto è sicuramente la scelta migliore per supportare il proprio investimento contenendo i rischi.

Moneyfarm, società italiana leader nella gestione del risparmio, offre ai risparmiatori la possibilità di associare un Pac a tutti i portafogli finanziari gestiti, dando l’opportunità di incrementare mensilmente il proprio investimento iniziale e continuando a beneficiare di tutti i vantaggi della strategia di investimento di Moneyfarm.

I vantaggi del Piano di accumulo di Moneyfarm sono molteplici:

Controllo

Imposta un versamento regolare che incrementa il tuo investimento in Moneyfarm mese dopo mese senza nessun costo aggiuntivo. Potrai sospendere il Pac o disinvestire in ogni momento, senza dover pagare penali.

Protezione

Il nostro Piano di accumulo riduce gli effetti delle oscillazioni del mercato, minimizzando i rischi rispetto ad un investimento in un’unica tranche. Una garanzia in più oltre alla diversificazione dei portafogli Moneyfarm.

Innovazione

Ti offriamo l’unico Piano di accumulo del capitale in Italia che ti permette di investire su un portafoglio diversificato senza alcun sovrapprezzo. Il nostro modello costruirà pezzo dopo pezzo il tuo portafoglio in base al tuo profilo.

Come funziona il PAC Moneyfarm?

  1. Aggiungi un contributo mensile alla tua Gestione Patrimoniale

Scegli l’importo del contributo mensile che vuoi aggiungere al tuo portafoglio, sulla base delle tue capacità di risparmio. Per attivare un Piano di Accumulo del Capitale sono richiesti un contributo iniziale minimo di 5.000€ e un versamento mensile minimo di 100€ e può essere associato a un portafoglio esistente così come a uno aperto ad hoc.

  1. Imposta un versamento ricorrente

Imposta un bonifico ricorrente dalla tua banca verso il tuo conto Moneyfarm pari al contributo mensile selezionato. Il PAC Moneyfarm non prevede alcun vincolo e può essere sospeso in qualsiasi momento.

  1. Vedi il tuo risparmio crescere

Effettua senza costi il tuo versamento ogni mese. Il nostro team di professionisti si occuperà di costruire un portafoglio di investimento diversificato sempre in linea con il tuo profilo di rischio e i tuoi obiettivi. Avrai anche un consulente personale sempre a tua disposizione.

Quanto costa il Piano di Accumulo?

Il Piano di Accumulo non ha alcuna commissione aggiuntiva, l’unico costo è quello associato alle commissioni di gestione della Gestione Patrimoniale, basate sul controvalore totale del tuo investimento. A questo vanno ad aggiungersi le tasse e il costo medio dei fondi e il bid-ask spread annuale.

In conclusione, come consigliano i consulenti dedicati di Moneyfarm: “Consigliamo ai nostri clienti di incrementare il proprio investimento in varie tranche, piuttosto che con un unico versamento, in modo tale da aiutare a limitare i rischi del ciclo finanziario. Con un orizzonte temporale di lungo periodo, accumulando e investendo in un’unica soluzione potrebbe capitare di acquistare gli strumenti quando il loro prezzo è ai massimi. Al contrario, investendo in più soluzioni il costo degli strumenti iniziali diventerà a poco a poco un fattore meno rilevante. Come regola generale, conviene investire quanto generato dalla propria capacità di risparmio il prima possibile.”

Prova Moneyfarm e scopri la proposta d’investimento costruita per te.
Per approfondire
Le crisi sui mercati finanziari sono un’opportunità per gli investitori, a patto di saper cogliere i momenti e analizzare con lungimiranza la situazione. Per aiutare tutti gli investitori a orientarsi in una situazione così particolare, Moneyfarm ha istituito un appuntamento quotidiano con contenuti video e approfondimenti, dove fare il punto sull’evoluzione dei mercati e sulle maggiori notizie che arrivano dalla politica e dall’economia. Per seguire l’aggiornamento di Moneyfarm, vai a questa pagina del blog o iscriviti al canale YouTube
SHARE THIS

RELATED ARTICLES

LEAVE COMMENT